Entries tagged with 'bicicletta'

Ciclofficina di Marsiglia Vélos en ville

  • 31 Ottobre, 2012 09:47

forcelle ciclofficina Marsiglia
In questi giorni sono stato in giro tra Marsiglia e la Costa Azzurra. Marsiglia sarà la città che ospiterà la prossima Velorution Universelle, da Andrea mi sono fatto mandare i contatti della ciclofficina e sono passato a trovarli. Questa ciclofficina è gestita da un collettivo, Vélos en Ville, che paga un affitto, poco caro per Marsiglia, ma comunque non banale. È piazzata in un mercato popolare affollato di negozi maghrebini, l’odore delle spezie mi ricordava tanto il Marocco. La ciclofficina è in ampio locale (officina vera e propria, cucinino, bagno, sala riunioni, magazzino) al

Bici-frullatore

  • 29 Ottobre, 2012 14:31

Miei piccoli lettori, so che in questi ultimi giorni sto pubblicando solo video come surrogati di post, ma abbiate pazienza, sono stato in giro per lavoro e non avuto il tempo di scrivere. A breve però nuovi scritti.

 

La bici di cartone – riflessione in due righe

  • 27 Ottobre, 2012 11:28

Nulla da eccepire allo sforzo ingegneristico, lasciamo perdere che si sia impegnato e pure parecchio, e fin qui tanto di cappello. Ora però la vogliono vendere e la propagandano come ecologica. La cosa mi lascia perplesso. La bici (ma vale tutti gli oggetti in generale) più ecologica è quello che è già stata prodotta: invece di comprare una nuova bicicletta di cartone passate in ciclofficina e riparatene una d’acciaio recuperata dal cassonetto. Inquinerete di certo meno.

Bicymple – la bici fatta (più) semplice

  • 26 Ottobre, 2012 14:23

Interessante esperimento.

Povera bici

  • 25 Ottobre, 2012 09:20

E chi dice che una bici da corsa non è maneggevole?

Ergopower Campagnolo vs STI Shimano

  • 23 Ottobre, 2012 09:44

Gli ergopower e gli STI (Shimano Total Integration) sono i comandi integrati nelle leve freno, i primi sono Campagnolo, i secondi Shimano. Come segnalato ho montato gli STI su Alice qualche tempo fa. Su Eva invece ho degli ergopower. Giappone vs Italia insomma. La millenaria saggezza del Sol Levante

contro l’italica arte di arrangiarsi

o se preferite la grande scienza giapponese…

Italia 5 – Brasile 4

  • 22 Ottobre, 2012 22:04

In reply to this. With lots of love. :)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ciclofighismo, troglociclismo e troglofighismo

  • 22 Ottobre, 2012 09:46

Nel ciclismo urbano si distinguono le tre grandi categorie che danno il titolo a questo post. Questa tassonomia nasce da attenta e accurata analisi antrosociologica effettuata negli anni sulle strade di varie città. Basata quindi su solide basi scientifiche merita lettura e riflessioni che escono dagli ambiti tipici dell’accademia per dare una lettura della società tutta. Passiamo quindi all’analisi delle categorie riportate.

ciclista tecnico

Tipico ciclofighista.

Trolociclista

Tipico troglociclista.

A quattro anni in mountain bike

  • 19 Ottobre, 2012 11:01

A quattro anni scende per un percorso attrezzato in mountain bike e voi non potete andare al lavoro in bici?

Bici rubata (e consigli per non farsela rubare)

  • 19 Ottobre, 2012 10:12

Non è il numero di telaio!

Non è il numero di telaio!

Ho letto una serie di articoli sul corriere (1, 2 e un commento qui) a proposito di un furto di una bicicletta e dei tentativi di cercarla. Purtroppo Giuseppe, la vittima del furto, ha compiuto una serie di errori a catena, dettati forse da inesperienza. In primo luogo è uscito con una bici di marca e anche ben tenuta che dà molto nell’occhio. Non che sia vietato, anzi lui stesso dice di averlo fatto perché non aveva alternativa, ma le bici più appetibili sono proprio quelle di marchi blasonati e se le parcheggiate in mezzo a tante altre saranno le prime ad essere prese di mira. Su consiglio dei vigili urbani poi ha fotografato il numero di telaio o meglio quel che credeva fosse il numero di telaio. In realtà ha solo fotografato una serie di numeri (forse il modello e qualche parametro costruttivo) che erano sul manubrio e che non hanno nessun valore per recuperare la bici. Il numero di telaio, quando c’è, di solito è punzonato (inciso) sotto la scatola del movimento centrale, quella parte della bici in cui passa l’asse dei pedali. Anche questa cosa però non è che sia di chissà quale aiuto, non essendo obbligatorio un numero di matricola per le bici può essere semplicemente limato o stuccato senza che nessuno possa obiettare nulla. Ha poi legato la bici in bella vista (bene) in mezzo a tante altre (meno bene, tante bici, tanti ladri). L’ha legata con una catena che nel gergo delle ciclofficine è poco più di un filo interdentale. Sebbene siano solide all’apparenza si tagliano molto facilmente e infatti così e stato, guardate qui piuttosto cosa usano a New York per legare una bici. Per legare la mia bici mi assicuro che la stia legando a qualcosa di solido (sembrerà strano, ma molti pali si sfilano facilmente) uso una catena a sezione quadra per il telaio e